18 marzo

18 MARZO 1980: A Thonon-les-Bains nasce il portiere-centravanti

Stefano Borgi
 
Non ci risulta che Sebastien Frey abbia mai segnato un gol. Ancor meno che calci i rigori, e non lo abbiamo neppure mai visto lanciarsi in area avversaria... magari per salvare il risultato all'ultimo minuto. E allora, perché portiere-centravanti? È presto detto: Sebastien Frey, segnatamente nei suoi anni fiorentini, incideva sulla classifica come e più di un centravanti. Con i suoi interventi, le sue parate, la sua presenza in area di rigore. Ed anche nello spogliatoio, visto che "Seba" era un vero e proprio collante tra squadra, pubblico ed allenatore. Inutile ricordare i miracoli di Liverpool, quando la Fiorentina vinse ai rigori contro l'Everton. Oppure le parate decisive all'Olimpico di Torino, quando i viola conquistarono la prima qualificazione Champions dell'era Della Valle. E ancora, una partita a caso... Ricordate un Fiorentina-Lazio quando il portierone francese divenne l'incubo di Pandev e Zarate, prima che Gilardino segnasse il gol vittoria al 90'? Ecco perché ci piace celebrare e ricordare il compleanno di Sebastien Frey, anni sempre ben portati, seppur accompagnati da un'altra maglia. Noi lo abbiamo negli occhi, solo e sempre vestito di viola.
 
Riproduzione dell’articolo consentita solo previa citazione della fonte www.museofiorentina.it e del nome dell’autore
 
 

Leggi tutte le News

Leggi tutte le News

Leggi tutte le News

 
 
Facebook Museo Viola
Feed
Museo Fiorentina - Museo Viola
>> Home NEWS BATTITO VIOLA 18 marzo

MUSEO FIORENTINA

Sede Legale: Via Leonardo Ximenes 55B - 50125 Firenze

UTENTI ON LINE

 428 visitatori online

 

MOTORE DI RICERCA - Museo Viola

AREA RISERVATA

SERVICE